Ferdinando Veronesi - Orologi e Gioielli a Bologna

Diamanti e Pietre preziose

Anelli con Diamanti

Anelli con Diamanti

La Ferdinando Veronesi e Figli è una gioielleria che dispone da oltre un secolo della migliore selezione di anelli con diamanti a Bologna. I diamanti non sono solo i migliori amici delle donne, ma anche la gemma più preziosa e maggiormente utilizzata in gioielleria. La rigida regolamentazione del mercato ha fatto sì che i diamanti siano anche diventati, in questi anni di estrema volatilità degli investimenti classici, un ottimo bene rifugio.

Per l'acquisto di un anello con diamanti a Bologna è però molto importante potersi fidare del rivenditore e del certificato di qualità che accompagna la gemma. A tale scopo la gioielleria Ferdinando Veronesi & Figli, con sede a Bologna, lavora solo con enti di certificazione internazionali, ed è provvista di un attrezzato laboratorio gemmologico interno

Diamanti e Pietre preziose

Il Diamante

Chiuso da secoli nella vena buia della pietra, il diamante non esce dalla miniera intero e luccicante. Va diviso, segnato, lavorato, ridotto in un frammento più piccolo per essere ancora più lucente. Come alcuni fiori che vengono modellati e curati dal giardiniere, la sua bellezza deve tutto all’uomo. (Fabrizio Caramagna) La Ferdinando Veronesi e Figli dispone, da oltre un secolo della migliore selezione di gioielli con diamanti a Bologna. Di seguito vi forniamo alcune informazioni basilari per chi si approccia all'acquisto di un diamante.

Ferdinando Veronesi - Orologi e Gioielli a Bologna

Caratura: Il carato è un’unità di misura del peso, lo si indica con la scritta "c.t." e rappresenta la quinta parte del grammo. Un carato equivale, quindi, a 0,20 g. In un taglio a brillante ben eseguito esistono delle proporzioni tanto fisse da determinare una relazione tra il diametro e il peso (caratura) della pietra.

Colore: La saturazione del colore si esprime con una lettera. Il diamante più bianco in assoluto viene identificato con la lettera D. La scala completa del colore è: d - e - f - g - h - i - j - k - l - m - n - o - p - q - r - s - t - u - v - z.

Purezza: Esprime il numero e la grandezza delle inclusioni contenute nel diamante se osservato da un operatore esperto con una lente a dieci ingrandimenti. La scala completa della purezza è: IF (puro alla lente) - VVS - VS - SI - P1 - P2 - P3.

Proporzioni: Il taglio del diamante è stato studiato per massimizzare la brillantezza della gemma. La proporzioni di tutte le parti devono rispettare rigide percentuali codificate. La scala di giudizio del taglio.

Simmetria e finitura: Ogni singola faccetta, nel taglio del diamante, deve essere rifinita perfettamente. La scala di giudizio è uguale a quella del taglio: quando un diamante, taglio a brillante rotondo, massimizza la perfezione delle proporzioni, della finitura, della simmetria e dello scintillio, si verifica un effetto ottico particolare: la gemma osservata con un visore evidenzia un gioco di ombre che crea 8 cuori e 8 frecce.

Ferdinando Veronesi - Orologi e Gioielli a Bologna

Pietre preziose

Perle

Le altre principali Pietre Preziose

Corindone: il nome del corindone ha origine dal termine kurundam della lingua tamil o da kurunvinda della lingua liturgica dell'antica india. Il termine identificava indistintamente tutte le pietre ad elevata durezza. In un secondo tempo, divenne il nome esclusivo della specie mineralogica con maggiore durezza, seconda solo al diamante. Le varietà più utilizzate in gioielleria sono i rubini (varietà rossa) e gli zaffiri (varietà blu). Esistono nel mercato pietre di varia saturazione e sfumatura di colore, provenienza e caratteristiche interne. Sia i rubini che gli zaffiri vengono trattati per migliorare il colore, oppure ricreati in laboratorio.

Berillo: le varietà più preziose della specie mineralogica berillo sono lo smeraldo e l'acquamarina. Tra tutte le gemme di colore, lo smeraldo è quello che più di tutte viene associato all'eleganza e all'esclusività. Lo smeraldo, varietà verde del minerale berillo, era conosciuto e amato già nei tempi antichi, tanto da essere ritrovati nelle tombe egizie dei faraoni. La predilezione per questa varietà di berillo era giustificata anche dal fatto che è frequente trovare in natura esemplari di forma cristallina, a prisma esagonale. La varietà morganite è meno conosciuta, ma la particolare sfumatura di rosa antico che la contraddistingue rende i monili su cui viene montata raffinati e di un gusto senza tempo.